Home

Introduzione
Fotografie
Ricorrenze/feste
Cenni Storici
Tradizioni
Il Tricolore
News/Sport
Contattacci
Siti Utily

I nostri Emigranti
Storie Emigranti

Comuni di Cosenza



Comprami
 

Padre Santo Pio

 




Altri Comuni


Comprami

 

 

Tradizioni Aiellesi
LA STRINA  -  TURDILLI  -  PANZEROTTI  -  SCALILLE  -  PASTA E PATATE AL FORNO
 

Per ottenere altre ricette, si prega di richiederle al seguente Email:
 infoaiello@gmail.com
 

TURDILLI:
Ingredienti
Olio di frantoio : ½ lt o ¼ lt;
vino bianco moscato : pari quantità dell’olio;
pizzico di sale
buccia di arancia grattugiata: nella quantità
a seconda dei propri gusti;
farina : quanta ne richiede per un impasto non duro, morbido ma non troppo.

Versare in un recipiente gli ingredienti sopra riportati ad esclusione della farina e portarli all’ebollizione;

levare dal fuoco e versare la farina gradualmente e contemporaneamente con  un mestolo impastare;

quando l’impasto ha raggiunto una certa consistenza, sversarlo sul piano di lavoro e continuare ad impastare con uno strumento adeguato, anche un cucchiaio:

successivamente raffreddatosi continuare ad impastare a mano;

ottenuta l’opportuna elasticità, ricavarne dei bastoncini, che fatti a pezzetti e incavati come uno gnocco rugoso, costituiscono il nostro turdillo da friggere;

friggere in olio caldo a fuoco lento ed a piccole quantità

indoratisi, toglierli dal tegame;

in un recipiente a parte far sciogliere del miele, nel quale affogare i turdilli oppure, a seconda dei gusti, per mezzo di una pennellessa da dolci spalmarli di quel miele caldo; cospargerli di diavoletti colorati (piccoli confettini per adornare i dolci) e cannella in polvere; lasciare raffreddare e servirli.
 

Bon appetit

 



PANZEROTTI

Ingredienti (dose per Kg di farina)

1 kg di farina - 1 cubetto di lievito di birra - 1/2 litro di latte - sale - 1 litro di olio extravergine d'oliva
Ripieno: sugo di pomodoro - 4 mozzarelle da 100 gr.

Preparazione:

Far riscaldare il latte in un pentolino.
Mettere sulla spianatioia la farina. Aggiungere il sale. Incorporare il lievito sciolto in un pò di latte e lavorare la pasta. Aggiungere la farina e il latte a filo, fino ad ottenere un impasto morbido ma consistente.

durante l'impasto

Formare dei piccoli panetti e lasciare riposare per 30/40 minuti circa.

panzerotti

Lasciare riposare sotto una coperta di lana al fine di rendere più agevole la lievitazione.

la copertina di lana...

Questo è un panetto di pasta.

panzerotti

Stendere la pasta con il mattarello fino a formare un disco di 20 centimetri..

panzerotti

Porre su un lato un cucchiaino colmo di sugo di pomodoro e un pò di mozzarella sbriciolata.

panzerotti

Inumidire le dita nel latte e bagnare i bordi di metà disco dimodichè durante la frittura il panzerotto
non di apra e fuorisca e il ripieno.

panzerotti

Porre sul fuoco (o sui fornelli) una padella larga con olio extravergine d'oliva (o di semi).

il caminetto e il padellone  

Non appena caldo calarvi i panzerotti e lasciarli dorare da un lato e dall'altro rigirandoli.

panzerotti

Scolarli dall'olio e porli in un piatto rivestito di carta assorbente.

Bon appetit
 



SCALILLE

Ingredienti
- 10 uova (5 intere e 5 solo i tuorli)
- un guscio d'uovo pieno di anice
- un guscio d'uovo pieno di olio
- un cucchiaio di zucchero
- mezzo cucchiaino di lievito per dolci
- farina quanta ne assorbe
- circa 500gr di miele d'api
- 1 lt di olio per friggere
scalille

Svuotare un uovo e utilizzarlo come dosatore

uovo dosatore

Sbattere lo zucchero con le uova, aggiungere in ordine: l'olio, l'anice e la farina. Ottenere una pasta molto morbida. Lasciarla riposare per 10 minuti.

impasto

Stendere la pasta ed ottenere dei cordoncini di meno di un centimetro di diametro.

cordoncino di pasta

Aiutarsi con il manico di un cucchiaio di legno (assicurarsi che sia asciutto).
Arrotolare lungo il manico del cucchiaio di legno (come da foto) per una lunghezza di 5-10 cm.

arrotolare lungo il manico

Alla base tenere fermo il cordoncino arrotolato con il dito e riportarlo al punto di partenza (sommità)

tenere alla base

e in seguito riscendere alla base per la chiusura.

riscendere alla base

Premere su tutti i lati su una superficie non liscia (cestino o altro).

premere su tutti i lati

Mettere una padella con l'olio sul fuoco. Testare il calore dell'olio con una piccola pallina di pasta, se questa torna subito a galla, l'olio ha raggiunto la temperatura idonea. La frittura dovrà effettuarsi a fuoco moderato altrimenti resterà crudo all'interno e si brucerà all'esterno.
Immergere le scalille nell'olio e girarle non appena tornano a galla.
 

friggere

Toglierle dal fuoco quando diventano color ambra.

fritti

A frittura ultimata, si versa il miele in una padella a bordo alto e lasciarlo sciogliere a fuoco moderato. Quando appare la schiuma immergere i dolci, rigirarli velocemente e adagiarli su un piatto.

girare nel miele

A piacere, si possono guarnire con dei diavoletti.

scalille

IN ALTERNATIVA
Al posto del miele, le scalille si possono coprire di glassa bianca o al cioccolato.

 


Pasta e patate al forno (Pasta e patate aru furnu )
Ingredienti

Ingredienti
- 500 gr. di penne o rigatoni
- 300 gr di patate
- parmigiano grattugiato
- passata di pomodoro
- olio extravergine d'oliva 
- 1 spicchio d’aglio
- origano
- sale

 

Preparazione

In una casseruola versare l’olio, uno spicchio d’aglio e far rosolare.
Aggiungere la passata di pomodoro, una manciata generosa di origano, il sale.
Lasciar cuocere a fuoco moderato fin quando la salsa non si sarà rappresa.

sugo all'origano

Nel frattempo pelare le patate e tagliarle a fettine.
 

patate a fette

Mettere sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata. Non appena bolle calarvi le patate.
Lasciare intercorrere un paio di minuti e versarvi anche la pasta.
Ultimata la cottura della pasta (insieme alle patate), scolare con cura.
 

patate nell'acqua

Versare la pasta e le patate in una zuppiera.
Condire con la salsa di pomodoro all’origano e unire il parmigiano.
Mescolare delicatamente.
 

prima di infornare

Inserire la pasta così condita in una pirofila nel forno preriscaldato e far cuocere a 250° per 20 minuti circa.
Et voilà, la vostra pasta e patate alla Aiellese è servita!

pasta e patate al forno alla cosentina

La Strina

 
1)
Senza esseri chiamati simu vinuti
oi simu vinuti
ari patruni avia i bon truvati
chini di gintilizza e curtisia;
2)
Ssu palazzieddru ha quattru spuntuni
oi quattru spuntuni
quattrucent’anni campa u patruni
quattrucent’anni campa u patruni;
3)
Quattru spuntuni e quattru spuntuneri
quattru spuntuneri
quattrucent’anni campa a mugliera
quattrucent’anni campa a mugliera;
4)
Chi Dio vi manna tanti boni anni
tanti boni anni
quannu aru munnu si spannanu panni
quannu aru munnu si spannanu panni;
5)
Chi Dio vi manna tanti boni misi
tanti boni misi
quannu aru munnu ci su sordi e turnisi
quannu aru munnu ci su sordi e turnisi;
6)
Chi Dio vi manna tanti bone simane
tante bone simane
quannu aru munnu ci su fatte di pane
quannu aru munnu ci su fatte di pane;
7)
Chi Dio vi manna tanti boni iuarni
tanti boni iuarni
quannu aru munnu ci su pitti e cudduri
quannu aru munnu ci su pitti e cudduri;
8)
Chi Dio vi manna tanti boni mumenti
tanti boni mumenti
quannu aru munnu ci su vacche e iumenti
quannu aru munnu ci su vacche e iumenti;
9)
Chi Dio vi manna tanti boni festi
tanti boni festi
quannu aru munnu ci su porti e finestri
quannu aru munnu ci su porti e finestri;
l0)
Chi Dio vi manna tantu i chiru bene
tantu i chiru bene
quannu ni vannu a Napuli e ni vene
quannu ni vannu a Napuli e ni vene;
11)
Chi Dio vi manna tantu bonu granu
tantu bonu granu
quannu ni fa Russanu e Curiglianu
quannu ni fa Russanu e Curiglianu;
12)
Chi Dio vi manna tantu uogliu e mustu
tantu uogliu e mustu
quannu li curra u Crati u misi i agustu
quannu li curra u Crati u misi i agustu;
13)
Mienzu a ssa casa d’oru nu bastuni
d’oru nu bastuni
aru patruni u viu nu gran baruni
aru patruni u viu nu gran baruni;
14)
Mienzu a ssa casa d’oru na catina
d’oru na catina
ara signora a viu na gran regina
ara signora a viu na gran regina;
15)
Mienzu a ssa casa d’oru na pernice
d’oru na pernice
a .............. a viu n’imperatrice
a .............. a viu n’imperatrice;
16)
Ari guagliuni un ci dicimu nenti
un ci dicimu nenti
i viu a patruni di tri continenti
i viu a patruni di tri continenti;
17)
E di .............. m’era riscurdatu
m’era riscurdatu
u viu a patruni di tuttu lu Statu
u viu a patruni di tuttu lu Statu;
18)
Cantu la strina e mi ni staiu fora
mi ni staiu fora
chista è a strina ca porta ..............
chista è a strina ca porta ..............;
19)
Cantu la strina supa a stu gradinu
supa a stu gradinu
chista è a strina ca porta ..............
chista è a strina ca porta ..............;
20)
Cantu la strina supa a chista scala
supa a chista scala
chista è a strina ca porta ..............
chista è a strina ca porta ..............;

 

 

21)
Cantu la strina cu i manu inta a sacchetta
cu i manu inta a sacchetta
chista è a strina ca porta ..............
chista è a strina ca porta ..............;
22)
A forza i cantari amu persu a ‘ntisa
amu persu a ‘ntisa
chista è a strina ca porta ..............
chista è a strina ca porta ..............;
23)
Tutti l’amici ni mintimu mienzu
ni mintimu mienzu
fannu la cumpagnia a San Vicienzu
fannu la cumpagnia a San Vicienzu;
24)
E li parenti li mintimu a latu
li mintimu a latu
fannu la cumpagnia ara ‘Mmaculata
fannu la cumpagnia ara ‘Mmaculata;
25)
A vurpa longa e finu avia u pilu
finu avia u pilu
un minni vaiu i cca si prima un vivu
un minni vaiu i cca si prima un vivu;
26)
A vurpa longa e fina avia a lana fina
avia a lana
attiantu un mi mannari ara funtana
attiantu un mi mannari ara funtana;
27)
Sentu lu strusciu di lu tavulinu
di lu tavulinu
è u patruni ca pripara u vinu
è u patruni ca pripara u vinu;
28)
Sentu lu strusciu di la tavulata
di la tavulata
è a signora ca porta a suprissata
è a signora ca porta a suprissata;
29)
Sentu lu strusciu di la cascitella
di la cascitella
chisti su i guagliuni ca piglianu a custatella
chisti su i guagliuni ca piglianu a custatella;
30)
Nun è vrigogna si purtamu la strina
si purtamu la strina
la strina l’ha lassata nostru Signuri
la strina l’ha lassata nostru Signuri;
31)
Oi c’ha fattu a nivi aru caritu
oi aru caritu
chi Dio ti guardi stu bonu maritu
stu gigliu russu ca tieni ara banna;
32)
Oi c’ha ha fattu a nivi ara muntagna
oi ara muntagna
chi Dio ti guardi sta bona cumpagna
sta rosa russa ca tieni ara banna;
33)
Nun è Natale e nun è Capudannu
nun è Capudannu
è u jurnu cchiù bieddru i dintra l’annu
è u jurnu cchiù bieddru i dintra l’annu;
34)
Fazzu la strina chi ti suolu fari
chi ti suolu fari
s’un tieni nenti dunami l’amaru
s’un tieni nenti dunami l’amaru;
35)
Nun vi criditi ca nui simu assai
ca nui simu assai
ca simu trentatria e u cantaturi
ca simu trentatria e u cantaturi;
36)
Canta lu gallu e scuatula li pinni
scuatula li pinni
damu la bonasira e iamuninni
damu la bonasira e iamuninni;
37)
Canta lu gallu e scuatula la cuda
scuatula la cuda
damu la bonanotte a vui signuri
damu la bonanotte a vui signuri;
38)
U tiempu di la strina è finitu
oi è finitu
a numi i tutti quanti io vi salutu
a numi i tutti quanti io vi salutu;
39)
Caru patruni oi ca fora è notte
oi ca fora è notte
ppe piaciri apritini sta porta
ppe piaciri apritini sta porta.


Compracci

 

Web site and all contents © Copyright aiellocalabro.org 2007, All rights reserved

free hit counter


English Version

Ricette Diabete